Microsoft, portami in tribunale sto infrangendo i tuoi brevetti!

autodenuncia.jpg

Dopo che due settimane fa Ballmer è sceso così nel dettaglio parlando di 235 brevetti violati, più parti si è chiesto a Microsoft di portare le prove per almeno uno di quei brevetti infranti, di specificare di quali brevetti si parla invece di citare i programmi che li violano. Microsoft non solo si rifiuta di rispondere a tale domanda ma pare che al momento non abbia intenzione di prendere provvedimenti.

Jim Zemlin, il direttore dell’esecutivo di Linux Foundation ha minacciato Microsoft:

“Touch one member of the Linux community, and you will have to deal with all of us! Industry groups, such as the Open Innovation Network and our own legal programs at the Linux Foundation, aggregate our membership’s patents into an arsenal with which to deter predatory patent attacks. With our members’ backing, the Linux Foundation also has created a legal fund to defend developers and users of open-source software against malicious attack. We don’t expect to but, if needed, we will use this fund to defend Linux.”

“Tocca solo un mebro della comunità Linux e li avrai tutti contro! Gruppi industriali della portata di Open Innovation Network assieme ai nostri programmi legali alla Linux Foundation raccolgono un arsenale tale di brevetti da scoraggiare qualsiasi agressione da parte di terzi. La Linux Foundation ha anche a disposizione un fondo per coprire le spese legali al fine di difendere sia gli sviluppatori che chi utilizza software opensource contro attacchi scorretti. Non era questa la finalità con cui abbiamo costituito il fondo, ma se saremo costretti lo utilizzeremo per difendere Linux.”

Secondo Eben Moglen BigM avrebbe solo da rimetterci dal momento che lei stessa potrebbe esser accusata di violare la GPL. Infatti, come potete leggere qui i voucher che libererebbero Novell dall’accusa di violazione dei brevetti non hanno scadenza. Nel caso in cui SUSE Linux aderisse alla GPLv3 che presumibilmente verrà scritta entro la fine dell’anno tale diritto verebbe di fatto ampliato a tutti gli utilizzatori di Linux di qualsiasi distribuzione.

Quattro giorni fa Christian Einfeldt si è autodenunciato chiedendo a Microsoft di adire le vie legali dal momento che usa Linux, e quindi sicuramente infrange i suoi 238 brevetti. Pare che in parecchi lo abbiano imitato. La lista degli autodenunciati è arrivata a oltre 1200 persone.

Annunci

2 comments so far

  1. Blackstorm on

    Scusa, ma devo fare una correzione: il kernel linux, di base è sotto GPLv1. Ne dà conferma lo stesso Torvalds. Il che vuol dire che, non essendo rilicenziabile, tranne che dall’autore, solo i prodotti espressamente passati sotto GPLv3 avranno questo tipo di licenza. Per cui non è assolutamente vero che i diritti di SuSe si amplino automaticamente a tutti gli utenti di suse.

  2. sughero on

    Ma infatti, ho scritto come dice Eben Moglen:
    Nel caso in cui SUSE Linux aderisse alla GPLv3″.
    Microsoft non ha fatto un accordo con Torvalds, lo ha fatto con Novell.
    Forse non sono stato chiaro ma mi riferivo esclusivamente a quei tagliandi che Microsoft potrebbe distribuire dopo il passaggio alla GPLv3.
    Detto questo le deduzioni non sono affatto mie ma di Moglen, io mi sono limitato a riportarle.
    Può anche darsi che io e vnunet abbiamo capito male, ma evidentemente non sono l’unico, deve aver capito male anche Suse Italia (che è la parte in causa).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: